Seleziona una pagina

Lo stilista Gaetano Ruisi, per questa collezione d’Alta Moda si è ispirato alla splendida Parigi e la sua magica Torre Eiffel, città molte volte ferita da guerre e rivoluzioni, ma dalle quali si è sempre rialzata a testa alta pronta a ripartire e a migliorarsi.

Il Mood della Collezione racchiude diversi aspetti della forza e della fragilità femminile, che si rifà allo stile del passato in chiave contemporanea, dove l’abito si alleggerisce, gli scolli si abbassano gli spacchi diventano vertiginosi e le trasparenze mettono in risalto la sensualità e la maestosità della donna dei nostri giorni.

Parigi splendida cornice dove l’amore sboccia e poi rimane marchiata ed indelebile sull’anima degli innamorati, il tema raccontato però nasconde non solo la bellezza e la meraviglia della città e della Francia e del suo codice etico in generale, ma racconta la parte più atroce e travolgente che negli ultimi anni ha visto Parigi colpita e sconvolta.

Le cronache ci hanno  raccontato di come la città ha subito attacchi terroristici che hanno colpito e spezzato le vite di molti innocenti che si son visti falciati da un credo estremo e negativo  quale quello del terrorismo islamico, che a nulla tiene e tutto distrugge. Non avevano però fatto i conti con un popolo quello francese che ha sempre, come la storia ci  racconta, saputo  rialzarsi dalle tante guerre distruttive che la hanno coinvolta nei secoli passati.

Da questo lo stilista ne ha tratto un mood ,  proprio per  raccontare che nonostante i pianti e gli sconvolgimenti questo splendido popolo ha rialzato la testa ed ha continuato a vivere per il loro credo di legalità di libertà e di amore verso se stessi e il loro prossimo.

La collezione è suddivisa in tre colori oltre il nero portante così pensati:

VIOLA – come colore della disperazione e del dolore subito dagli spaventosi eventi che la hanno coinvolta così all’improvviso, senza aver avuto la possibilità di difendersi o contrattaccare.

GRIGIO – come colore associato al momento di stasi di blocco fisico e mentale, di quelle persone che un istante dopo l’accaduto si sentono pietrificati , che non comprendono e non hanno ancora chiaro cosa sia realmente accaduto, come dunque momento di stupore quasi come se si fosse frizzati.

VERDE – come colore di speranza e di voglia di ripartire sempre più forti e indistruttibili, pronti dunque a superare il dolore non con il perdono ma con una rielaborazione interiore della perdita subita, trasformata in forza e vitalità.

NERO – che molti associano al lutto ma che lo stilista in questo caso associa alla risposta che il popolo ha dato a questi terroristi, attraverso il loro rialzarsi a testa alta dimostrando di essere superiori in tutto, intelletto, buon gusto, perfezione, accoglienza e velocità di ricostruire ciò che loro pensano di aver distrutto, il nero non come paura dell’oscuro ma come imponenza e maestosità dello spelndido popolo francese.

La collezione trae da questo il meglio e la preziosità è donata dallo jaquarde nei tre colori ricoperto di rose, ed ognuna di esse rappresenta l’anima dei caduti, come anime bianche senza colpe,  riuniti in un giardino di amore e pace per combattare il male e le negatività. Sono pensati in una visione un po’ classica della Parigi di fine 800’, per rappresentare le dame di corte in un out fit più contemporaneo e accattivante.

Nell’articolo potete scoprire la galleria dei bozzetti realizzati dallo stilista, preparati per un concorso denominato “Premio Moda” presentato a Matera nel 2016, in cui lo stilista ha presentato l’intera collezione, arrivando finalista alla serata di Gala tra gli otto fortunati su centinaia di selezionati per far parte del cast di giovani Designer.

Ma per saperne di più o guardare il video del defilè dovete leggere l’articolo dedicato a questo evento qui sulla sezione blog.

Questo sito fa uso di Cookie per migliorare l'esperienza di navigazione Leggi la Privacy & Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi